sabato 5 maggio 2012

DIALOGO TRA UN VALDOSTANO LIBERO E UN NON SO / Terza Puntata: Poltronizzati in Biblioteca

Se la cosa non fosse drammaticamente ridicola sarebbe assurda: Leggo oggi in Facebook nella pagina ANICI DELLA BIBLIOTECA DI PONT SAINT MARTIN questo pittoresco e candido annuncio: "La biblioteca di Pont- Saint- Martin è a caccia di artisti! vorremmo fare una mostra in cui raccogliere opere di artisti non professionisti (pittura, scultura e poesia)... non riesco a caricare il bando in questa pagina, posso inviarvelo via mail o richiedetelo direttamente in biblioteca e partecipate!" Ora....qui siamo al ridicolismo applicato alla faccia tosta... IL blog PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA fa testimonianza da ormai 2 anni drll'ostracismo politico verso persone che hanno solo il torto di non essere UNIONISTE ne di essere del PD...e fatto ancora piu' intollerabile per il potere,di restare di sinistra...intollerabile per i loro progetti purgatici. Tutto il lavoro enorme che quotidianamente potete vedere, fatto di storia locale e non, di iconografia presente e passata, è in modo alquanto antidemocratico ignorato sia dalle tv locali che da ogni organo di stampa, troppo presi purtroppo a scrivere articoli su pittori allineati o loro affini non mentalmente disturbanti. Naturalmente anche la Biblioteca snobba a go-go qualsiasi movimento artistico che rappresenti opinioni non conformi; per di piu' è molto attenta con la loro commissione particamente creata. di non fare passare nessun messaggio che esca dalla politica da operetta del regime autonomista dell'Union Valdotaine e di una pseudosinistra, quella sì conforme invece ad Aosta e di rimbalzo a Roma. Un nostro lungo film su Pont Saint Martin girato tra il 1972 e il 1975 e di valore storico enorme,giace colpevolmente da anni in una stanza,dopo promesse pre elettorali enormi e nel seguente disinteresse ad arte.Moltissime opere,artisti e fotografi non trovano spazio in un territorio pur piccolo a causa di idee non convenzionali e di una chiusura censorea di una commissione di gestione comunale troppo impegnata a creare corsi di Patois indottrinanti e interrompere qualsiasi messaggio che esca dal costume tradizionale,la marmotta o la gara delle mucche. Adesso questi vengono a cercare artisti locali?....per fare cosa?....per negarsi di nuovo?,,castrarli?,,,,indottrinarli perchè chiedono una cosa che è nei loro diritti chiedere?....ma sono ciechi o fanno finta di essere ciechi?..il nostro comune è certamente ancorato ad un modello culturale limitato al bozzetto, al folclore locale, all'immagine da cartolina che si ritiene indispensabile per vendere il marchio del territorio...l 'opposizione dovrebbe fare delle battaglie enormi contro questo ma si limitano ad avere una poltrona in questo schifo o a piangere per averne 2 e continuare a proporre i loro eventi risaputi e stanchi,ma che non danno fastidio. Visto che la Biblioteca è una delle cose piu' importanti potenzialmente di questo omertoso paese e che anche noi abbiamo fette di diritti verso questa istituzione,ripetiamo ancora una volta le nostre richieste urlate da tempo: Chiediamo l'azzerazione della Commissione di gestione,,,tutti a casa...Chiediamo che CHIUNQUE abiti in questo comune abbia DIRITTO di esporre o utilizzare tutti i mezzi della Biblioteca senza sottostare a nessuna commissione pseudoartistica o politica,in pratica CHIUNQUE fa qualcosa che reputa interessante a se stesso si presenta dalla bibliotecaria e dice;"Preparatemi la sala che tra un mese voglio esporre" e STOP....Il comune e la Biblioteca devono immediatamente eseguire perchè quella persona è un cittadino comunale,ha diritti artistici come tutti e è il solo che puo' giudicare la sua arte,bella o brutta che sia per gli altri... Tutti gli altri discorsi sono inutili e censorei per gli scopi che sappiamo tutti...Basta! Continueremo a chiedere queste semplicissime cose sapendo che queste richieste non trovano spazio nè sui giornali nè alla tv.Troppi sono altri interessi e l'omologazione è l'unica cosa che interessa ai politici oltre al voto. Per correttezza proponiamo il breve dialogo che è seguito in Facebook completo e manderemo una copia di questo link al Movimento 5 Stelle,per conoscenza di fatti che possono interessarli:

13 commenti:

  1. La biblioteca di Pont- Saint- Martin è a caccia di artisti!
    vorremmo fare una mostra in cui raccogliere opere di artisti non professionisti (pittura, scultura e poesia)... non riesco a caricare il bando in questa pagina, posso inviarvelo via mail o richiedetelo direttamente in biblioteca e partecipate!

    RispondiElimina
  2. artisti,,,,,ahhahha.....ar​tisti,,,,,,,abbiamo da 35 anni un film su pont saint martin che dopo mille promesse è ancora fermo li,,,,un blog con 3000 foto inedite di pont,,,,centinaia di opere da decenni ferme perchè politicamente non siamo nè union nè pd,,e (gravissimo) continuiamo ad essere di sinistra,,e cercate artisti non professionisti?,,,no,,voi cercate artisti allineati o da allineare,,e adesso censurate pure questa,,,PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA

    RispondiElimina
  3. il bando è scaduto, pochi anno risposto...parlo solo per me, come membro della commissione biblioteca, non c'era nessuno dei criteri da te citati nel bando, gli artisti per definizione non sono allineati, fanno la linea...rispetto il tuo lavoro, se hai qualche proposta ben venga!

    RispondiElimina
  4. il mio lavoro è sul blog e li restera'.....come richiesto da tempo la commissione di gestione deve essere sciolta o annullata..siete voi che non avete criteri di esistere,,,,la biblioteca come detto da tempo deve essere a totale dipendenza degli abitanti,,,,un cittadino che vuole esporre o utilizzare quegli spazi arriva dalla bibliotecaria e dice"tra un mese voglio esporre i miei quadri preparatemi la sala" e STOP...non deve sottostare a nessuna commissione fintamente artistica o altro,,,è un suo diritto e decide lui se è arte o no,,,non voi poltronizzati che fate solo da tappo e vi tenete spazi non voistri,,,nessuno deve essere giudicato da voi,,,,,andate a casa....grazie
    3 ore fa · Mi piace

    RispondiElimina
  5. Da MOVIMENTO 5 Stelle:

    http://www.meetup.com/beppegrillo-702/messages/boards/thread/23018562/

    RispondiElimina
  6. Sono Stefano Ferrero e faccio parte del gruppo operativo del Movmento 5 stelle della Valle d'Aosta.
    Ciò che viene pubblicamente denunciato è molto grave in quanto spazi che normalmente dovrebbero essere destinati alla libera espressione di gruppi di cittadini sono meschinamente lottizzati dalla politica.
    Non esistono criteri chiari nell'attribuzione delle strutture pubbliche. Le commissioni sono per lo più costituite da persone scelte dai partiti non all'altezza del loro compito.
    Il termine cultura o arte viene fatto coincidere con i nominativi di coloro che militano o simpatizzano per la maggioranza ma anche per un'opposizione (mi scuso sapendo che non sono degni di questo nome)che si limita semplicemente a spartirsi una fetta della torta.
    Daremo certamente spazio nel sito della nostra associazione alla problematica che avete sollevato.
    Sul modo efficace per intervenire su questo uso strumentale della cultura l'arma veramente efficace per poter sconfiggere questa sub cultura di montagna è essere presenti nelle istituzioni direttamente come cittadini.
    Il Movimento 5 stelle si sta organizzando proprio per far capire che non possiamo più delegare ad altri la nostra rappresentanza: in quel consiglio comunale ci dovevano essere dei veri rappresentanti dei cittadini a far valere i nostri diritti e allora, probabilmente, le cose sarebbero andate diversamente.
    La cultura non può essere cultura di regime...

    RispondiElimina
  7. Non molleremo sicuramente....Il fatto della Biblioteca di Pont Saint Martin è particolarmente grave perchè ha subito immediatamente dopo alle elezioni comunali un incredibile golpe piazzando al posto di,pur criticabili,personaggi di vari partiti e associazioni,un gruppo di Inionisti e gemellati che con la scusa della mancanza di argent de poche ha azzerato quasi tutte le iniziative proponendo corsi di patuè e eventi pro-partitici assurdi,,,,E nonostante questa dittatura pochi mesi fa tutto è saltato in aria e attualmente non si capisce bene chi realmente comandi fisicamente questa pagliacciata.
    Conta anche che l'opposizione comunale in mano alla sinistra ufficiale invece di rimettere tutto in discussione e iniziare una seria riforma di questo unico luogo di cultura,ha cominciato a piagnucolare chiedendo poltrone e non un analisi seria del disastro.
    Noi di Pont Saint Martin Alternativa chiediamo da tempo l'azzeramento totale di questa Commissione di Gestione posticcia e la libertà anche questa totale del cittadino di poter esprimere la sua arte ,qualunque essa sia,usufruendo degli spazi e i mezzi che sono nei suoi diritti non passando piu' sotto le forche caudine di commissioni varie spesso state in mano negli anni passati di affari monetari degni del Trota e eventi unicamente pro.union e amichetti vari regionali.
    Aggiungo che i giornali,pur informati giornalmente da noi dell'andazzo e altre iniziative di Pont Saint Martin Alternativa si sono sempre defilati dal fare informazioni terrorizzati dallle eventuali proteste dei capi regionali,non parliamo neanche della tv,che gira da tempo la testa dall'altra parte,fregandosene anche dell'altro blog nostro ROCK RARE COLLECTION FETISH che ha un milione di visitazioni l'anno da tutto il mondo,preferiscono appoggiare fatti locali che non disturbano e allineati.Ha fatto scandalo tra di noi tempo fa l'esposizione di ben 5 articoli in 2 settimane di un artista valdostano nello stesso giornale,,,dietro nostri commenti sarcastici durante la presentazione una settimana fa della richiesta al comune di togliersi da Equitalia e astenersi dall'Imu,ci è stato risposto che quel pittore è importante,,evidentemente i cittadini che non hanno i soldi per pagare le tasse non lo sono.
    Per questo chiediamo un appoggio a 5 stelle...a voi,ma ora anche a noi visto la mia collaborazione al movimento,sarà piu' difficile fare li gnorri e altre porcate che facevano quando eravamo soli...in cambio continueremo a monitorare la bassa valle continuamente ,perchè cose che non vanno qua ce ne sono eccome,,,grazie ancora

    RispondiElimina
  8. JANS Danilo 6
    I rappresentanti dei cittadini devono essere eletti, ci hai provato anche tu, ti consigliamo la lettura di Uno, nessuno e centomila, una vita meno vissuta nel virtuale, uno specchio per valutarsi, meno trip e più logica!!!!

    RispondiElimina
  9. E che c'entra?....caro/a anonimo?..adesso tu non sei virtuale?...Tu pensi che io voglia farmi eleggere o possa avere dei voti da una popolazione che avete abituato in anni e anni ad essere sempre piu' lobotomizzata?...Tu credi che senza un appoggio forte dei tuoi partiti,raccomandazioni e famiglie dietro potevano eleggerti?...Tu pensi che io voglio farmi eleggere?,,,per cosa poi?...per andare a rompere il cazzo a chi manifesta le proprie idee finfacciandogli di non essere stato eletto?...Chiedere che un cittadino possa usufruire liberamente e con diritto di servizi Bibliotecari senza passare sotto le forche caudine di commissioni partitiche sarebbe un trip?...sarebbe illogico?...Ne avrei io di libri da consigliarti ma per adesso continua a leggere quello che ti dicono...e quando non ti eleggeranno piu' difendero' la tua libertà di opinione e virtualità ....cerea

    RispondiElimina
  10. Le risposte sprezzanti di chi occupa cariche elettive, magari grazie al controllo illecito dei voti di preferenza in molti paesi della Valle, e non ha nemmeno il coraggio di firmarsi danno la misura del livello degli interlocutori (il post dell'ultimo anonimo).

    Siamo rispettosi della democrazia ma quando il consenso si forma con il clientelismo o l'inganno noi, semplici cittadini, non accettiamo lezioni dai cattivi maestri, anonimi...

    RispondiElimina
  11. andate avanti.fregatevene di questi cretini.io lavoro in regione e ne vedo di tutte da anni da arrestarli tutti.potessi parlare.

    RispondiElimina
  12. RISPOSTE:

    Grazie Stefano delle belle parole,ci dobbiamo vedere appena i tuoi impegni te lo permetteranno così ti spiego altri capitoli della situazione di Pont Saint Martin...grazie anche all'anonimo dipendente regionale,l'anonimato non è il massimo ma vedendo il nuovo ventilato sito di PONT SAINT MARTIN INSIEME,luogo dell'opposizione ufficiale,è meglio il nostro anonimato ma vero polso della situazione,che il loro,dove bisogna iscriversi e passare di nuovo sotto le loro forche caudine,ben note e le loro censure e demagogie.
    Voglio approfittare per ricordare 2 o 3 punti vincenti di questo blog veramente alternativo e fuori dai giochi della solita politica anche paesana.
    Sono arrivate mail e per strada incontro gente che dice chiaramente di continuare a controbattere le menzogne della politica ufficiale ringraziando anche del contributo storico non solo fotografico che PONT SAINT MARTIN ALTERNATIVA offre ormai da 3 anni,con sempre crescenti visitazioni e presenze.
    Anni fa eravamo presenti solo su Facebook,attaccammo durante le elezioni i modi di fare da superstar dell'opposizione e dopo solo 2 ore dalla loro sconfitta elettorale, ampliamente prevista da noi,ci trovammo cacciati da questo social forum,senza sapere perchè,senza colpe se non le nostre opinioni e senza sapere da chi,anche se tutto portava lì.
    Per questo creando il blog scegliemmo di impedire ai non maturi,mentalmente e politicamente,di entrare a sabotare ancora una volta il nostro lavoro,anche perdendo dei visitatori in piu' che sicuramente un blog completamente aperto avrebbe portato,purtroppo la politica di certi personaggi di paese ,che vivono solo per annientare qualsiasi forma politica non allineata e culture diverse,ci ha obbligati a questa scelta.
    Questo mi porta a una seconda considerazione.
    Il nostro paese è diventato un paese omertoso.La gente ti avvicina,ti fa complimenti,ti dice di continuare,di fare uscire questo e quello scandalo,ma non si manifesta,,dice di avere paura,che ha figli..che lavora sotto di loro,,,dice di stare attenti,,ti trovano per strada e guardano di non essere visti,,,lo so che sembra la peggiore sicilia,ma purtroppo una politica di raccomandazioni e di clientelismo esasperato aggravato da fattori ridicoli iper regionali,ha portato ad avere paura dei potenti,,,di non parlare o farlo in modo clandestino...questa è la cosa piu' terribile di questo paese,che una volta non esisteva e che la crisi mondiale bancaria ha portato e che l'opulenza regionale ha colto in pieno con pero' terribili ritorsioni sulle libertà di opinioni.

    RispondiElimina
  13. SECONDA PARTE:
    Tanti ci dicono che non ci vedono mai sui giornali.
    E' vero ,ma non è colpa nostra.E' una chiusura totale decisa in alto ,visto che a livello regionale la stampa è tutta uguale e segue le stesse procedure e censure legate a dictat partitici precisi.Siamo andati contro a un giornalista che detiene un vergognoso monopolio della cultura valdostana.Aveva usato con noi metodi mafiosi e lo abbiamo detto al suo giornale.
    Da allora siamo stati tagliati fuori e la linea censorea è stata ampliata agli altri giornali che hanno seguito le direttive.Ancora peggio è andata dopo le prime osservazioni agli errori PD...silenzio completo,,,fax e mail che partono a decine ma mai arrivano o vengono lette,,,fogli consegnati a mano che si perdono piu' volte dopo la consegna,,,,cose ridicole da operetta comica e da pavidità estrema.
    Speriamo che il peso del movimento 5 stelle e la nostra o mio,visto che qui tanti siamo ma la faccia la metto solo io,appoggio e partecipazione totale alla loro rivoluzione,riporti questi giornalisti banderuola ad occuparsi delle nostre attività,come fanno scodinzolando con i loro amici e padroni.
    Pur limitati abbiamo fatto scoppiare il caso NICOLETTA,ancora irrisolto e grottesco...abbiamo salvato LE GEMELLINE,le piante secolari che avevano deciso di uccidere con un grande assenso bipartisan in comune,,,alla faccia dell'ecologìa,,,ci siamo presentati come una forza diversa dalla sinistra ufficiale rimpinzata di appoggi importanti,soldi e media...abbiamo dato un immagine nel blog di un paese che si voleva volutamente dimenticare,anche fotograficamente,proponendo una nuova linea culturale e facendo proposte nuove sulla gestione della Biblioteca,vero cuore culturale di Pont Saint Martin,da troppo yempo in mano di potenze partitiche assurde e castranti.
    Possiamo solo fare di piu'...faremo di piu'....
    IL nostro mito è Peppino Impastato,,non Rollandin.

    RispondiElimina